Emarginata

image

Emarginata lo sono diventata
e sono visibile solo al cielo blu
ignorata con stile dalla mia specie di origine .
Vita vissuta muta come un albero piantato da solo
mi trovo sempre in movimento senza sosta come le nuvole
e la pioggia d’ora in poi cadrà solo per la mia disperazione .
Sento che tutto puzza intorno a me
però nessuno ha il coraggio di avvicinarsi
alla mia puzza di rosa che sa di non riccatabile come loro.
Forse non volevo essere emarginata
mi hanno cacciata senza preavviso
fuori dalla ruota dei cricchetti umani.
Ora posso fermarmi una volta al giorno
anche per cinque minuti
e gridare insieme ai miei amici randagi
si é liberi vivendo emarginati.

© Violeta Dyli

Dopo aver scritto la poesia ho in cuffia questa canzone

Advertisements

40 pensieri su “Emarginata

  1. La borghesia di sinistra continuò a considerare nemici i poliziotti e i carabinieri.
    Più un ceto era abbiente e acculturato, più odiava i poveri che per uno stipendio da fame avevano il dovere di tutelarlo.
    Me ne resi conto il giorno che vidi il gesto di una ragazza che conoscevo di vista, nipote di un vecchio avvocato. In uno dei tanti sabati del disordine milanese, camminava nel gruppo di testa di un corteo.
    Quando si trovò di fronte alla prima fila di agenti, con un gesto improvviso si alzò la gonna, si calò lo slip e mostrò il tesoro che custodiva tra le cosce. Quindi urlò: «La vedete questa fica? Non è roba per voi, sporchi questurini, ma per i proletari che voi della pula picchiate e uccidete!».
    di Giampaolo Pansa

    Fonte:http://www.storiecantastorie.com

    Mi piace

  2. Grazie per il like. Trovo il tuo scritto sincero.
    Pochi giorni fa l’aver citato Pansa ti avrebbe cancellata dai miei interessi.
    Ma non ritengo più abbia senso rivendicare valori di generazioni passate.
    Di fatto, i valori non si tramandano, vanno concepiti.

    Essere emarginita, non è bello, piacevole o divertente.
    A volte ho pensato fosse la risposta, ma ne vale la pena considerate le conseguenze?

    Mi piace

    1. Innanzitutto grazie per la visita , penso che viviamo in una epoca dove siamo in piena rivoluzione tecnologica da una parte e del fallimento del capitalismo delle economie liberali che con la globalizzazione mondiale sembra che stiamo tornando indietro anziché migliorare la qualità della vita di tutti noi e delle future generazioni.Penso che gli emarginati sono le donne che non hanno ancora raggiunta la parità uomo donna ad esempio le donne vengono penalizzate sia dal punto di vista nella retribuzione che di solito é più bassa rispetto ad un uomo , potrei fare tanti esempi .In Italia rispetto ad altri paesi sviluppati c’è tanta rassegnazione perché negli ultimi anni i politici non sono stati di buon esempio non tutti per fortuna ma una parte di essi sono stati disonesti perché oltre ad essere i politici più pagati in Europa sono anche i più corrotti di Europa .Io non vorrei generalizzare ma purtroppo tante persone come me sono deluse .Gli emarginati sono i pensionati con la minima , sono i precari che lavorano per quattro euro al ora al call center ,sono i operai che con lo stipendio non c’è la fanno ad arrivare a fine mese , gli emarginati sono i disoccupatti che non hanno il redito di cittadinanza eccetera .buona serata 🙂

      Mi piace

  3. Trovo tutto molto interessante, intendo la tua poesia, la tua risposta a un certo punto a un commento e infine l’immagine (intendo la panchina). Questa, mi sono soffermato a esaminarla e l’ho analizzata, e penso che sia una delle tue foto più belle.
    PS: tra l’altro rilevo la tua educazione nel rispondere a tutti, puntualmente, fosse anche con un solo cenno 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...