Non sono virtuale

Non sono virtuale

La pace é dentro l’anima di ognuno di noi.
I bambini sono così pacifici e puri
È non conoscono il denaro i bambini
I bambini conoscono l’amore dei genitori
Impariamo dai bambini la pace.
Solo gli avidi provano odio e disprezzo
Per un altro essere umano.
Siamo tutti fratelli e sorelle
E da tanti anni che hanno
inventato il denaro elettronico
E Il denaro cartaceo forse sparirà
Ma non toglierà l’avidità di chi lo ha inventato.
Dal nulla cresce solo tanta povertà e miseria.
L’Internet ci allontanerà dalla realtà
La virtualità del mondo é una follia.
Siamo tutti così lontani anche se siamo vicini.
Le strade sono sempre più vuote
È sono piene di gente solo i centri commerciali
È sono piene di gente solo le stazioni dei treni .
Che corrono come dei disperati.
I manicomi gli avidi li stanno riempendo di gente sana
È i pazzi come loro sono tutti fuori.
Sono tutti arrabbiati con tutti
Io non sono arrabbiata con nessuno
Vorrei solo vedere gente che sorride e che saluta.

ISTRUZIONI PER L’USO
Potete condividerle le mie poesie ma citando la fonte e non modificandole in alcun modo.Grazie

Post scriptum:Non rinunciare alla speranza, non abbandonarti alla disperazione a causa di ciò che è passato, giacchè rimpiangere l’irrecuperabile è la peggiore delle umane debolezze.
Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...